Nietzsche diceva che si può “sognare sapendo di sognare” perché la nostra coscienza sa sciogliere le sue contratture dolorose in flussi di gioia,d’estasi e di grazia. Spesso si vive in quel stato di “reverie” che è quell’abbandono della mente in cui la libertà del fantasticare non spegne mai la coscienza in stato di veglia, ma con essa s’incontra su un terreno che non è né quello piatto,crudo,documentario della realtà né quello ambiguo,oscuro è incerto dei sogni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...